04 Agosto 2020
News e Riflessioni

Scuola Formazione Studenti 2016: "La scuola che cambia...oggi!"

29-03-2016 18:19 - Movimento Studenti AC Lucca
" Uno studente, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo"
Malala Yousafzai

Quante volte noi studenti ci ritroviamo nelle nostre scuole ad essere sommersi dallo studio, presi dall´ansia per un compito o un´interrogazione, delusi per risultati che non ci soddisfano o amareggiati per rapporti difficili con compagni o prefessori; spesso siamo tentati di lasciarci trascinare da questo mare di problemi che ci fa sentire prigionieri di un luogo che sembra non appartenerci, che ci spinge a chiuderci in noi stessi creando muri verso chi ci sta accanto, che ci porta in alcuni momenti a sperare di trascorrere il più velocemente possibile questi anni di superiori, quasi fossero una perdita di tempo.
Eppure resiste nel nostro cuore (certe volte più evidente, certe altre più nascosto, troppo spesso ignorato) un desiderio di novità, di cambiamento; il desiderio di vedere una scuola che si modifica e si trasforma, che ci fa sentire realmente parte di sé, dove le parole d´ordine non sono istruzione e valutazione, ma crescita e formazione.
Non si tratta di una scuola dei sogni, di un mondo utopistico, ma di una meta concreta e più vicina di quanto si possa pensare, realizzabile solo attraverso l´impegno, la passione e soprattutto la partecipazione di tutti.

Con queste parole nel cuore e con questo spirito ben più di 1200 studenti come noi, provenienti da più di 300 scuole superiori di tutta Italia, si sono ritrovati a Montesilvano in Abruzzo per la VI edizione della Scuola di Formazione Studenti organizzato dal Movimento studenti di Azione Cattolica. Io stesso insieme ad alcuni amici ne ho preso parte e ho pensato potesse essere utile riportarvi la mia esperienza. Questo evento, tenutosi dall´11 al 13 Marzo, è stata un´occasione unica di incontro, di dibattito e di confronto con grandi personalità del panorama nazionale ed internazionale su tematiche importanti per noi giovani cittadini dell´oggi e del domani come la Politica, l´Economia e l´Europa.

‹‹La vostra non è un´epoca di cambiamenti, ma un´epoca che cambia dove i veri protagonisti siete voi giovani›› ha ricordato ad esempio Sandro Calvani, consulente senior per la pianificazione strategica presso la Mae Fah Luang Foundation. ‹‹Partecipazione è un percorso che ognuno di voi può e deve fare, un percorso che parte da un interesse e da uno studio individuale per raggiungere la realizzazione del piano futuro che avete scelto. Siete voi che dovete prendere l´iniziativa: solo voi potete cambiare voi stessi, crescere e farvi fin da oggi protagonisti responsabili della vostra vita. Partecipare nella relazionalità e con una sana inquietudine è l´unico modo per essere realmente felici!››

Tra i diversi ospiti che hanno preso parte anche l´on. Silvia Costa, Presidente della Commissione Cultura e Istruzione del Parlamento Europeo, il dott. Luca Raffaele, Project Manager dell’associazione NeXt Economia, e la dott.ssa Rita Visini, Assessore alle Politiche Sociali della Regione Lazio.

Quaranta ore di incontri e dodici workshop si sono susseguiti affrontando tematiche di attualità: dalla crisi della partecipazione politica alla questione economica, dalla situazione europea fino alla realtà dell´immigrazione. Una formazione diversa da quella a cui siamo abituati, che parte dal desiderio di conoscere la nostra società per essere fin da oggi cittadini responsabili e consapevoli del mondo in cui viviamo.

‹‹Diffidate da coloro che vi dicono che siete il futuro: voi siete il presente, l´oggi!›› è intervenuto Alex Corlazzoli, insegnante, giornalista e scrittore, fondatore del giornale "Uomini Liberi". ‹‹Siate protagonisti nelle vostre scuole. La partecipazione è la linfa vitale delle vostre realtà scolatiche, l´esperianza che vi permette di crescere nella relazione con gli altri e che vi educa alla difesa delle vostre libertà. Come diceva Giorgio Gaber in una sua canzone "Libertà non è stare sopra un albero ... libertà è partecipazione!"››

Il cambiamento delle nostre realtà scolastiche deve cominciare da noi studenti e da nessun altro. Partecipare non è solo impegnarsi negli organi collegiali e ricoprire ruoli di rappresentanza dei nostri istituti; partecipare è portare il proprio contributo nelle nostre classi, promuovere occasioni di discussione e dibattito nelle nostre assemblee, spingere ad una maggiore trasparenza e accuratezza nelle valutazioni, dedicarsi a favorire rapporti autentici con i nostri docenti ed essere pronti, là dove necessario, a lottare per i nostri diritti, pronti a far crescere una "protesta significativa" per usare le parole di Corlazzoli.

E ci vuole il coraggio nella vita di non accontentarsi e di lottare per un mondo più giusto e che sia davvero nostro, lo stesso coraggio dell´ex ministro Pakistano Paul Bhatti, fratello di Shahhbaz, cristiano ucciso per aver scelto di difendere chi non aveva voce nel suo paese; di Aneela Neilson, segretaria di Paul Bhatti, impegnata in un programma di istruzione e formazione del villaggio di Khushpur; di Francesco Messori, studente e giovane calciatore, ideatore della Nazionale Italiana Calcio Amputati.

Non soffochiamo allora il nostro desiderio di novità e di cambiamento; diventiamo noi il cambiamento, linfa vitale delle nostre scuole e viviamo in prima persona quell´I Care tanto amato da Don Milani e dai ragazzi di Barbiana.
In una parola siamo PRESENTE!

Bucchioni Lorenzo, Segretario Msac Lucca

Realizzazione siti web www.sitoper.it