21 Maggio 2018
[]

Educazione e Formazione

Se andiamo un po´ dentro al significato della parola, consultando un vecchio vocabolario troviamo una definizione di cura come "interessamento sollecito e costante per qualcuno". L´aspetto che emerge in maniera evidente la cura intesa come atteggiamento psicologico con cui qualcuno si rivolge a qualcun altro. Un atteggiamento di interesse attivo e costante, che si mantiene nel tempo. Quindi avere cura un operare accompagnato da un atteggiamento psicologico di grande impegno e di attenzione. Senza l´impegno e l´attenzione non c´ cura. Possiamo dire, allora, che la cura una relazione. Nei primi mesi di vita la madre si prende cura del proprio bambino relazionandosi con lui attraverso il corpo e, quindi, soprattutto con un linguaggio "non verbale". Assumono fondamentale importanza tutti quegli aspetti che riguardano il sorriso, gli sguardi, la postura, il tono della voce, il ritmo del respiro, le pause, i silenzi.
Poi, sempre pi spesso, precocemente il bambino viene affidato a strutture educative. In questa fase egli ancora creatura non verbale che comunica di s e comprende di s attraverso il suo corpo. L´educatore del nido sa che il messaggio "ho cura di te" passa ancora attraverso l´interazione corpo-corpo e che il piccolo necessita di rassicurazioni che gli vengono date dalla possibilit di vivere momenti caratterizzati dalla ripetitivit. Il tempo allora scandito dalle routines: tutti i giorni gli stessi gesti compiuti tante volte con l´attenzione a non farli diventare semplicemente momenti di cura, senza "aver cura", cio senza un´attenzione al soggetto.
Il passo successivo l´inserimento alla scuola dell´infanzia. Anche in questa fase il bambino capisce, a seconda del modo con cui lo si tocca, se qualcuno da trattare con interesse costante o se qualcuno che si pu trattare in modo frettoloso e asettico. L´insegnante esprime la cura attraverso:
un´attenta organizzazione di tutti i momenti, anche dei "tempi invisibili" di passaggio da un´attivit all´altra;
il rispetto dei tempi fisiologici del bambino;
l´espressione di vicinanza che il linguaggio non verbale manifesta (come lo accolgo? Come compio i gesti di accudimento quotidiani? Cosa manifesto al momento del commiato?)

Queste attenzioni comunicano il messaggio di cura "tu per me sei prezioso" e facilitano il bambino nella costruzione dell´immagine di s, promuovendo in lui l´autonomia che l´obiettivo educativo primario di questo ordine di scuola. Quando il bambino ha raggiunto una sufficiente autonomia nel fare, capace di mettersi alla prova, disponibile ad esplorare; il passaggio alla scuola primaria risulta facilitato. Lo scopo principale di questo ordine di scuola consiste nel favorire un incontro felice tra il soggetto-persona e la cultura. Lo sviluppo pieno delle potenzialit del soggetto non pu avvenire avvolgendo la persona in schemi precostituiti (ad esempio test, griglie, strumentari di vario tipo, programmazioni). Anche in questa fase evolutiva l´atteggiamento pedagogico facilitante il "prendersi cura" dell´altro. Questo non significa farsi carico, sostituendosi all´altro, e neppure lasciar correre. Educare incontro intenzionale, accoglienza reciproca, ascoltare e ascoltarsi, capacit di individuare insieme percorsi, significativi verso cui incamminarsi. E´ difficile fare entrare il concetto di cura nella pedagogia; qualcuno teme di abbassare con questo la qualit. Ritengo, invece, che sia fondamentale perch senza riconoscimento della persona nella sua interezza non si attiva in modo pieno il livello cognitivo. La scuola sta attraversando un momento difficile che richiede da parte di tutti un´attenta riflessione sul significato che questo tempo vuole attribuire alla funzione educativa.
Solo quando l´istituzione scolastica ha come intenzione centrale l´aver cura del soggetto, del suo conoscere, del suo esistere e riconosce alla persona la propria unicit e complessit pu sostenere il bambino nel suo processo di crescita. E´ questa, a mio avviso, la strada percorribile per aiutare i genitori a comprendere che il compito di ogni educatore (genitore o insegnante che sia) non quello di "armare contro..." chiunque o qualunque situazione ci crea difficolt, non abilitare il bambino ad essere "efficiente" ed attento solo al risultato senza preoccuparsi di come stato raggiunto. Aiutare a crescere formare persone autorealizzate in tutti i loro bisogni, capaci di attenzione all´altro e di solidariet. Si corre il rischio, altrimenti, di predicare il trionfo e costruire, invece, sulla fragilit.
risultati: 1-13 / 13

Educare al bene comune: questioni aperte

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 18:29 - Educazione e Formazione
Ho cercato nell´articolo uscito nelle scorse settimane di tratteggiare alcuni aspetti del concetto di bene comune, mi sono però accorto che queste pratiche di buona e sapiente convivenza non sono diffusi nemmeno tra noi cristiani e tra le nostre comunità ecclesiali, proverò a sintetizzare alcune ...
[ continua ]

La scuola che verrà

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 18:26 - Educazione e Formazione
Scuola di Formazione Studenti 19-21 Aprile 2013 a Fiuggi :
"La scuola che verrà"
È ormai passato poco più di due mesi dalla conclusione della SFS organizzata da Azione Cattolica, alla quale hanno partecipato ben più di mille ragazzi provenienti da tutta Italia; tre giornate passate all´insegna dell...
[ continua ]

Il contributo dei cattolici nella scuola

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 18:20 - Educazione e Formazione
Riportiamo una sintesi della relazione introduttiva dell´ On. Rosa De Pasquale al Convegno annuale della Consulta Regionale delle Aggregazioni Laicali della Toscana tenuto a Livorno Domenica 18 novembre 2012.

La teoria di H. Von Balthasar dei due principi o profili della Chiesa, quello istituziona...
[ continua ]

Educare dal profondo

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 18:18 - Educazione e Formazione
Un discorso sull´educazione non può prescindere da una premessa che appare tanto scontata quanto fondamentale: non c´è mai educazione senza relazione. Perché vi sia educazione è necessario porre la riflessione su un soggetto che sia innanzitutto caratterizzato da una forza, mai fondata sullo stra...
[ continua ]

Quand´è che parleremo di formare cristiani anziché di formare partiti?

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 18:07 - Educazione e Formazione
Si è svolto lo scorso 21-22 ottobre a Todi il secondo convegno organizzato dal "Forum delle persone e delle associazioni di ispirazione cristiana nel mondo del lavoro". A un anno di distanza dal primo ritrovo a Todi le associazioni cattoliche radunate hanno prodotto un documento propositivo. Nel ...
[ continua ]

Una proposta educativa per lo sviluppo umano integrale

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 18:04 - Educazione e Formazione
Pubblichiamo ampi stralci della relazione tenuta dal prof. Luigi Pati dell´Università Cattolica Sacro Cuore di Milano in occasione del Seminario di Bioetica "Stili di vita e sviluppo integrale della persona" promosso a Lucca dalle associazioni Centro di Cultura per lo Sviluppo dell´ Università ...
[ continua ]

9° Colloquio Progetto Cittadinanza

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 17:58 - Educazione e Formazione
L´Azione Cattolica della Toscana si è riunita a Prato per il nono Colloquio pubblico del Progetto Cittadinanza, sul tema: Lavoro fraternità partecipazione. Giovani e lavoro fra creatività e forma-zione, che ha visto riunite 150 persone anche provenienti dalla nostra Diocesi.
Nel Colloquio, che ha...
[ continua ]

Il Patto Educativo di Corresponsabilità

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 17:56 - Educazione e Formazione
Un processo di sinergia tra scuola, famiglia e alunno

Le ricerche sulle scuole efficaci hanno negli anni contribuito ad individuare quei processi che risultano maggiormente collegati ai risultati, e quindi ai livelli degli apprendimenti degli studenti e alla loro riuscita scolastica. Da qualche an...
[ continua ]

Il senso della misura, del decoro e del rispetto: modelli per le nuove generazioni

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 17:53 - Educazione e Formazione
Riportiamo uno stralcio della riflessione dell´Azione Cattolica Italiana - presentata nell´ambito del XXXI Convegno Bachelet - su alcune tematiche educative e culturali che attengono anche all´attualità della vita politica del nostro Paese. Ci pare stimolante anche per la nostra Chiesa locale, o...
[ continua ]

Collaboratori della vostra gioia: la passione di educare insieme

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 17:51 - Educazione e Formazione
La testimonianza di tre giovani educatori viareggini al Convegno nazionale per educatori di Azione Cattolica.

"Collaboratori della Vostra Gioia: la passione di educare insieme" il titolo del convegno per educatori di Azione Cattolica che si è svolto a Roma dal 14 al 16 Dicembre. L´incontro ha riun...
[ continua ]

Scuola: latitanza educativa

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 17:46 - Educazione e Formazione
"La scuola è il luogo ove, attraverso l´acquisizione sistematica e critica della cultura si promuove la formazione integrale dell´uomo e del cittadino"
Questa definizione sintetizza la prioritaria funzione educativa della scuola, che dovrebbe andar ben oltre il compito di insegnare, istruire e ad...
[ continua ]

Educare, arte delicata e sovrana

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 17:40 - Educazione e Formazione
Questa pagina, dal titolo "La Chiesa comunità educante", nasce come proposta riflessiva e attuativa degli orientamenti pastorali dell´episcopato italiano per il decennio 2010-2020 "Educare alla vita buona del Vangelo", ossia quell´arte delicata e sovrana che è l´educazione, quale cifra generativa...
[ continua ]

La prima generazione incredula: segni distintivi della gioventù oggi

scritto da Mario Battaglia 04-09-2013 17:36 - Educazione e Formazione
Armando Matteo, assistente nazionale della Fuci, ha un punto di vista ben chiaro sui segni distintivi della gioventù di oggi. Per confrontarsi con essa gli adulti dovrebbero innanzitutto mettersi sopra una bilancia.
Tre sono gli aggettivi che lui usa per tracciare un´analisi dettagliata: invisibi...
[ continua ]
altri risultati

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata